Css globale

css globale

logo weim

nomesito

Weimaraner dei
Piccoli Principi

cane header

Carattere

immagineprincipale

Corpo della pagina

"Il cane è l'unico mammifero in grado di vivere realmente con noi, e non semplicemente accanto a noi."
Irenaus Eibl-Eibesfeldt

Nobile, esclusivo, elegantissimo ma allo stesso tempo rustico, facile da addestrare ed affettuosissimo, questo è il Weimaraner.

E’ un cane da caccia aristocratico, ben muscolato, trasmette una sensazione di grazia ed equilibrio.

A differenza di tutti gli altri cani da caccia i Weimaraner, alle origini,  erano gli unici ammessi all’interno ed avevano uno stretto rapporto con i loro padroni, da qui il suo ancestrale attaccamento al proprietario che si manifesta non solo nella sua necessità di avere con l’uomo un rapporto stretto e costante ma anche con la capacità di fungere da cane da guardia (senza per questo essere mai aggressivo o mordace)

Il suo aspetto nobile ed elegante, il suo mantello grigio cangiante, i suoi occhi ambra dolci ed espressivi, lo stupendo carattere e la facilità di addestramento lo stanno facendo sempre più apprezzare in tutto il mondo anche come cane da famiglia ma non si deve mai dimenticare, quando si pensa al WEimaraner,  che stiamo parlando di un cane da caccia di taglia medio grande e quindi di un atleta nato per lavorare.

IL CARATTERE

È un cane dolcissimo, con un attaccamento morboso verso il padrone ed i suoi familiari, bambini compresi,  con i quali instaura un forte legame affettivo. Equilibrato, docile, facile da addestrare, appassionato alla caccia, perseverante nella cerca, con un fiuto eccezionale . E’ sicuro nella ferma, determinato nella cerca  e durante il lavoro in acqua, con l’abilità naturale di seguire le tracce. Non è aggressivo, ma difende energicamente il territorio dove vive. E’ molto sensibile, va trattato bene e con dolcezza. Rispetto ad altre razze da caccia, non è adatto a vivere in canile e, se vi è costretto, tende a diventare chiuso e introverso. E’ ideale per il cacciatore che predilige  un cane molto collegato, che copra il terreno con metodo e resistenza e che abbia un efficace riporto in ogni condizione, ma è soprattutto adatto a colui che cerca un amico affettuoso e devoto in ogni situazione.

E’ impensabile possedere un weimaraner e non avere con lui un rapporto fisico costante e quotidiano.

DI COSA HA BISOGNO

Il WEimaraner è prima di tutto un cane da caccia, quindi un atleta: ha bisogno di poter utilizzare le proprie energie fisiche e mentali. Non si può pensare di possedere un Weimaraner senza dargli la possibilità di muoversi e usare la sua intelligenza.

L’istinto venatorio è molto radicato e quindi non ci si deve stupire se il vostro WEimaraner ritornerà  fiero e scodinzolate da una passeggiata con un uccellino in bocca, stà facendo il lavoro per cui è nato e sgridarlo lo traumatizzerebbe.

Se non si ha l’intenzione di svolgere l’attività venatoria o una particolare attività cinofila ci si deve impegnare a dedicargli giornalmente  del tempo per farlo sfogare in corse in campagna, impegnarlo con giochi cane-padrone che gli permettano di avere le gratificazioni che l’attività venatoria gli procura.

Il Weimaraner centra la propria esistenza sul padrone e sul nucleo famigliare a cui è legato , è dunque importante renderlo partecipe del gruppo e mal si adatta ad essere lasciato solo per troppe ore al giorno.

E’ un cane rustico e forte, vive bene all’aperto e non teme il freddo. La condizione ideale è una casa con giardino possibilmente in campagna, lasciandolo però accedere all'interno per poter essere partecipe della vita della famiglia. 

Per il suo fortissimo legame affettivo con il padrone ben si adatta anche alla vita in appartamento. 

In entrambi i casi si deve però garantire al cane una attività fisica e mentale costante ed una interazione intensa con l’uomo.

 E’ un cane dotato di grandissima intelligenza ed un attaccamento incredibile al padrone. Questi due aspetti rappresentano un plus importante quando si parla di educazione,  addestramento e di competizioni sportive . Il suo desiderio di appagare il padrone è fortissimo e quindi , se stimolato correttamente, sarà molto veloce nell’apprendere e ricordare qualsiasi tipo di comando. L’intelligenza e l’attaccamento ne rappresentano anche un limite nel caso in cui  queste due doti non siano correttamente indirizzate, rendendolo esageratamente attaccato e dipendente dal padrone. 

E' molto intelligente e bisogna usare coerenza e disciplina, tenterà, utilizzando anche dolci sotterfugi, di conquistare una posizione dominante all'interno del branco famiglia: ricordatevi che è un cane, non un umano e quindi nella scala gerarchica viene dopo tutti gli altri membri della famiglia.  Un cane umanizzato non sarà un cane felice e tenderà a diventare nosioso, arrogante, indisciplinato e, contrariamente a quanto normalmente si pensi, non vivrà una esistenza appagante.

Nasce per cacciare e quindi l’attività che più lo rende felice e soddisfatto  è quella venatoria. Esistono competizioni sportive che simulano l’azione di caccia senza però abbattere il selvatico (sparo a salve) alle quali si vede anche la partecipazione di persone contrarie alla caccia ma che hanno capito che questa è l’attività che più appaga il loro Weimaraner.

Grazie al suo leggendario olfatto può essere addestrato  con soddisfazione per entrare nelle squadre cinofile di supporto di Protezione Civile

Per le sue grandi doti atletiche e mentali è facile da addestrare per partecipare a prove di Obedience, Agility, Flyball o qualsiasi altra attività cinofila: collaborare ed appagare il proprio padrone è l’obiettivo principale di questo cane e quindi la collaborazione in una attività con l’uomo gli darà grandi soddisfazioni e si impegnerà a fondo per appagare il suo padrone

La sua spiccata intelligenza lo rende alle volte “critico” nel recepire i comandi quindi per ottenere i massimi risultati è richiesta grande coerenza e costanza nell’educazione che và impartita sin dai primi giorni. La figura del padrone deve essere un riferimento forte ed autoritario e posizionarsi in modo indubbio come capo branco senza mai lasciarsi abbindolare da quegli occhi dolci ed espressivi.

da " FCI  Standard N° 99 /04.12.1998"

TEMPERAMENTO E CARATTERE
Versatile, facile da addestrare, vigoroso e appassionato cane da caccia. Tenace
nella circa sistematica, ma non troppo vivace. Di ottimo fiuto. Svelto nel rintracciare la
selvaggina e altre prede, come pure nel compiere il lavoro dell’uomo, ma mai
aggressivo. Affidabile cane da ferma e di lavoro nell’acqua. Notevole inclinazione al
lavoro dopo lo sparo.